Never trust a Takashi

Del folle finale di Gozu avevo già parlato, sperticandomi in lodi nei confronti di Takashi Miike. Ma, parlando di finali folli, possiamo non parlare di Dead or Alive? Se avessi Takashi di fronte a me lo abbraccerei e gli darei un bacio sulla guancia perchè sì, lui se lo meriterebbe, eccome se lo meriterebbe. Farsi affidare uno yakuza movie, dopo che il genere è stato analizzato, sviluppato, citato, studiato e dissezionato fino allo spasimo. Modernismo, post-modernismo, mdp in movimento o meno, violenza iper-realistica: tutto è stato fatto da qualcuno. Poi arriva Takashi e dice: “Lo faccio io, uno yakuza movie.” E già durante tutto lo sviluppo del film viaggia a mille all’ora, con invenzioni visive dietro ad ogni angolo e tu sei lì, che vorresti benedire questo regista perchè anche se sì, sta comunque girando uno yakuza movie, lo sta facendo con la massima onestà e ci sta riuscendo alla grande, divertentendoci un sacco. Arrivi allo scontro finale e ti aspetti una cosa a metà tra un John Woo pre-Hollywood e Sam Peckinpah, magari, con colombe bianche che volano e proiettili che aprono buchi grandi come padelle. Anche un piano sequenza alla Hard boiled, perchè no.

E invece assisti a qualcosa che, semplicemente, non ti aspettavi. Un braccio strappato, un bazooka, una sfera d’energia e la fine del mondo. Titoli di coda. Spegni il televisore. E ancora una volta Takashi si è comportato come quel tuo amico a cui vuoi tanto bene anche se lui continua a farti scherzi a ogni piè sospinto. Nel silenzio della tua casa, con una lacrima di acido muriatico a solcarti le guance, bisbigli: “I love you, Takashi.”

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...